Anonimo

Nota: Questa lettera, senza data, fu trovata nell'estate del 1944 da una contadina nei pressi di Collecchio e consegnata all'Anpi il quale fece tutte le ricerche possibili senza risultati

Lettera conservata presso: Archivio Isrec Parma, Busta 2MI4-LE

Testo:

Carissimi genitori e fratelli;

Purtroppo la sorte questa volta mi è stata contraria, ci vuole pazienza. In questo momento ho fatta la S. Comunione. Perdonatemi di tutti i dispiaceri che vi ho dato, come io perdono di cuore a tutti quelli che mi hanno fatto del male. Più che vi raccomando a voi da farvi coraggio e di far conto che io sia sempre in mezzo a voi, che io muoio tranquillo e sereno e innocente. Quest'ultimo mio scritto tenetelo come se io fossi presente. Fatevi coraggio che io me lo faccio abbastanza sulla mia sorte. Tanti saluti a tutti e baci per l'ultima volta a tutti. Ricordatemi sempre nelle vostre preghiere. Saluti a bacioni a tutti voi e parenti. Mi raccomando di nuovo di farvi coraggio. Andate a prendere il corpetto, la cintola, il borsellino e miei documenti alle carceri. Vi prego di consegnare alla Maria il mio anello e di tenerlo come caro ricordo. Ora vi scrivo un biglietto per lei e ditegli che lo tenga strettamente. Di nuovo coraggio e bacioni cari.

Vostro aff.

Benvenuti Aldo (o Benvenuto Aldo)