"La nostra storia"

55 anni fa un gruppo di autorevoli esponenti della Resistenza parmense fondava l'Istituto storico della Resistenza e dell'età contemporanea di Parma.

Mezzo secolo di ricerca storica, divulgazione, didattica e memoria.

Nei prossimi mesi pubblicheremo alcuni episodi della "nostra storia" che è poi anche la storia di tutta una comunità che in questo mezzo secolo ha partecipato alla vita dell'istituto: ricercatori, insegnanti, studenti, cittadini e istituzioni.

EPISODIO 1:

Cogliendo l'occasione della ripresa dei corsi di aggiornamento per insegnanti, inauguriamo la prima puntata con le foto del primo corso tenuto nell'attuale sala conferenze Isrec, risalente a 35 anni fa: relatore Gaetano Arfé, oggetto dell'incontro "Guerra e lotta di Liberazione". Alla sua destra Sergio Passera (allora presidente dell'Istituto) e alla sua sinistra Leonardo Tarantini (vicepresidente), entrambi partigiani.

Carousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel image

EPISODIO 2:

Trent'anni fa Sandro Pertini – partigiano, dirigente socialista, parlamentare e, infine, Presidente della Repubblica – durante la sua visita a Parma inaugurava l’attuale sede del nostro Istituto. Il 5 giugno 1984, dopo una mattinata ricca di impegni, veniva accolto nel giardino di San Paolo da una rappresentanza di superstiti degli “Arditi del popolo” protagonisti delle barricate del ’22 e da molti ex partigiani. Accompagnato dalla folla di cittadini e dalle autorità si recava poi per l’inaugurazione al primo piano dell’ex Convento di San Paolo nell'attuale sala conferenze dell’Istituto (“XXV Aprile), dove - salutato dall’allora presidente Isrec Sergio Passera e dal sindaco Lauro Grossi - rivolgeva al pubblico queste parole:

Ai giovani delle scuole, e non soltanto a loro, giunge ammonitore un richiamo letterario: quando nel poema omerico, Circe volle trasformare in porci i compagni di Ulisse non ebbe che da renderli immemori, ciò fu più che sufficiente a farli sazi di qualunque destino

Un messaggio forse ancora più pregnante, oggi che i protagonisti della Lotta di Liberazione e della nascita della democrazia nel nostro paese ci hanno in gran parte lasciato. Un monito, un impegno e un’eredità che sono alla base dell’attività del nostro Istituto: nella didattica, nella ricerca e nella divulgazione che - dal 1964 in poi - anno dopo anno svolgiamo.

Di seguito, oltre agli articoli della Gazzetta di Parma, alcune immagini della giornata conservate presso il nostro archivio fotografico

Carousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel imageCarousel image