Parma '46

Parma ‘46. Dal fascismo alla democrazia, storia di una transizione

Progetto storico-didattico triennale in occasione del 70° Anniversario della Costituzione repubblicana

Mesi decisivi quelli della primavera ‘46, per Parma così come per i comuni d’Italia. Con le elezioni amministrative, le prime democratiche dopo la caduta del fascismo, un primo passo decisivo venne compiuto nella transizione dalla dittatura fascista alla democrazia repubblicana.

Oggi ripensare e studiare quel periodo della nostra storia, ripercorrendo le fasi che portarono in pochi mesi alla definizione della nuova amministrazione comunale, poi alla scelta repubblica/monarchia e all’elezione dell’Assemblea Costituente, significa affrontare la nascita della democrazia repubblicana, nel nostro caso a Parma.

Il progetto storico che qui proponiamo si articola su un doppio livello tematico: il primo dedicato allo studio dei tre appuntamenti politico-elettorali che di fatto inaugurarono il processo democratico nel 1946, concentrando l’attenzione su eletti ed elettori, programmi e propaganda, voti ai partiti e preferenze politiche, il secondo livello si concentrerà su alcuni temi che rappresentarono il contesto e le specificità che caratterizzarono quella primavera di democrazia.

Naturalmente le ricerche non si limiteranno al solo tema politico elettorale, ma riguarderanno temi specifici che richiamano la storia sociale, i linguaggi della propaganda e quelli della politica, la storia di genere, i media.

Stato dei lavori

Gennaio 2016: Inizio della ricerca

28 maggio 2016: Convegno di studi svolto presso la sala del Palazzo del Governatore di Parma

Autunno 2018: prevista pubblicazione del volume Parma ‘46, a cura di Teresa Malice con saggi di Tommaso Ferrari, Simone Galli, Alessandra Mastrodonato, Teresa Malice, Marco Minardi, Chiara Nizzoli e Domenico Vitale.